Gea.Net Pro 5.2 RTM : le patches

Il 9 Giugno 2016 è stato distribuito Gea.Net Pro 5.2 RTM. La RTM, versione che anticipa di qualche mese quella definitiva, a quel momento era già in uso presso diverse aziende con funzionalità di tester e pertanto è da considerarsi già piuttosto stabile.

Nonostante ciò alcune piccole imperfezioni sono state riscontrate successivamente al rilascio e saranno risolte con la versione definitiva ma in questa sede diamo riscontro di quanto segnalato dagli utenti e come risolvere il problema. A maggiore garanzia, contestualmente all’installazione viene attivato gratuitamente anche PremiumPack2016 che consente a tutti di richiedere assistenza e fare segnalazioni sul forum.

1) Aggiornamento del database richiede alcune operazioni manuali. L’obiettivo sarebbe di depositare i files di script nella cartella dell’applicazione e all’avvio successivo riorganizzare il database senza fare altro. Purtroppo è richiesta ancora qualche operazione manuale come dare la conferma all’avvio della conversione e chiudere le finestre alla fine dell’operazione. Inoltre il successo della conversione da versioni precedenti la 5.0 non è garantita e anche nella versione definitiva potrebbe essere necessario l’intervento di un tecnico.

Un altro piccolo inconveniente per la migrazione da queste versioni è l’incompatibilità del Codice di Identificazione usato in passato. Pertanto dovrà gli utenti registrati con versioni precedenti la 5.1 dovranno preventivamente richiederne uno nuovo senza dover sostenere alcun costo.

2) Non stampa le ultime colonne nel corpo dei documenti. A differenza delle versioni precedenti le impostazioni di stampa dei dettagli non tollerano buchi nei progressivi delle colonne. Se si riscontra questa anomalia la soluzione è piuttosto semplice. Basta aprire le “Impostazioni di stampa” e verificare che nel Tipo Stampa

[TipoDocumento]_DETAIL

la colonna PosX Iniziale che identifica la colonna in cui deve essere stampata una variabile non presenti salti nella numerazione. La maggior parte delle righe riporta in questa colonna riporta il valore zero (non stampare) mentre le altre devono avere un numero progressivo da 1 ad N. Se vengono saltati dei progressivi i valori da riportare in tutte le colonne successive non verranno stampati. Nessun problema nella riga delle intestazioni.

Annunci

Traduzioni in Gea.Net Pro 5.2

Dalla versione 5.2 disporrà di un nuovo sistema di traduzione integrato semplice e veloce. A differenza delle versioni precedenti che depositavano il testo tradotto su un file XML o direttamente sul database, la 5.2 depositerà tutte le informazioni su un semplice file di testo che può essere richiesto assieme al software oppure tradotto personalmente.

All’avvio verranno caricate in memoria tutte le voci tradotte presenti nel file e questo rende l’utilizzo del software estremamente veloce, cioè a fronte di un piccolo handicap in fase di avvio, il caricamento delle schermate risulta molto più fluido delle versioni precedenti.

Ma cosa succede esattamente ? Appena viene attivata la funzione di traduzione, man mano che si aprono le schermate o si eseguono le stampe, viene popolato il file TRANSLATE.TXT presente nella cartella dell’applicazione con tante righe quante sono le voci da tradurre. Su ogni riga sono presenti due voci separate da un punto e virgola. La prima voce lunga 40 caratteri è una chiave e pertanto non deve essere in alcun modo modificata. La seconda voce è il testo tradotto che verrà riportato a video e che per impostazione base è in italiano. Se si vuole procedere alla traduzione basta aprire il file con un qualsiasi Text Editor (Blocco Note va benissimo) e sostituire la seconda voce. Quello che segue è un esempio di un paio di righe su cui si è apportata la modifica per la lingua inglese.

Tipologia :Type

Pagamento :Payment

Trattandosi di un file presente sulla cartella dell’applicazione, ogni PC potrà avere una propria versione che può anche essere facilmente trasportata su altri. Questo consentirà di lavorare con persone che parlano lingue diverse all’interno di una stessa organizzazione.

Attenzione !! Nella versione RTM è rimasta per la funzione “Traduzioni” in “Gestione Tabelle” ma questa non deve essere più utilizzata. Per attivare le traduzioni occorre modificare il file TRANSLATE.TXT per mezzo di un text editor come descritto in precedenza.