Sicurezza a rischio per le aziende italiane ?

La fatturazione elettronica è partita senza grossi intoppi ma qualche voce fuori dal coro solleva preoccupanti interrogativi sulla effettiva riservatezza delle informazioni commerciali contenute in fattura, mettendo in dubbio la tenuta del libero mercato a medio termine. Ma è veramente così ?
Ammetto che il titolo dell’articolo è un po’ forte ma nasconde un fondo di verità. Vi prego di continuare a leggere perchè verranno proposte soluzioni per tutelarci.

Chi detiene i nostri dati ?

Al momento non esistono ancora stime ufficiali ma assieme ad alcuni colleghi abbiamo fatto un veloce calcolo su un campione di qualche migliaia di aziende, cioè su un numero che a fini statistici non è molto significativo ma è comunque interessante perchè ripartito sull’intero territorio nazionale e riferito ad aziende di tutti i settori e dimensioni (con una leggera penalizzazione per le piccole imprese).

Emerge che solo poco più del 20% di aziende ha scelto di avere un rapporto diretto con l’Agenzia delle Entrate attraverso Sogei, Poste Italiane o altre imprese di proprietà pubblica. Il restante affida i propri dati ad un intermediario privato e già questo va oltre le previsioni più pessimistiche della vigilia.
Se poi si analizzano chi sono gli intermediari ne consegue che i tre maggiori produttori di software per commercialisti, che nei mesi scorsi hanno adottato una politica commerciale spietata, sono anche ai primi tre posti.
La fetta di mercato che servono è rispettivamente di circa il 18, 11 e 8 % delle imprese italiane.
Visto che per ogni azienda utente vengono trattate sia le fatture in uscita che quelle in ingresso, diventa facile calcolare che questi soggetti vedranno transitare e conserveranno (quasi la totalità degli utenti ha chiesto di attivare il servizio di conservazione) del 33, 20 e 15 % dei rapporti commerciali attivi sul territorio nazionale con tanto di prodotti, prezzi e condizioni di pagamento.

Fatto un altro rapido calcolo di combinazioni ne deriva che 3 aziende private da sole vedranno transitare sui loro server quasi la metà di tutti i rapporti commerciali che si svolgono in Italia mentre una da sola ne vedrà un terzo.

Questa è una mole di informazioni in mano ad una azienda privata, che come tale deve rendere conto solo ai propri azionisti, disegna uno scenario inquietante. Personalmente non sono mai stato un amante della PA perchè spesso è stato sinonimo di inefficienza, ben venga il privato e bla,bla,bla, ma mi piace ancora pensare che in fondo il pubblico siamo noi.

Cosa fare ora ?

In questi mesi sono state dette tante mezze verità e auspicabilmente nei prossimi tempi le aziende italiane ne prenderanno coscienza e forse rivedranno le scelte fatte, ma per il momento non rimane che fare alcune valutazioni e adottare qualche soluzione per tutelarsi dal rischio.

Provare ‘Fatture e Corrispettivi’

Una buona parte delle persone con cui ho parlato nei mesi scorsi mi ha confermato di avere scelto un intermediario solo per paura di non riuscire ad emettere fatture. In realtà se ci fossero problemi sui server dell’SDI non riuscirebbero ad accedere neppure gli intermediari e presumibilmente il servizio sarebbe sospeso temporaneamente, mentre la sospensione non si verificherebbe se ci fossero problemi presso il data center di un intermediario. Poi ho riscontrato come tanti professionisti o piccolissime imprese che non hanno mai avuto un sistema gestionale in azienda siano stati convinti che ‘Fatture e Corrispettivi’ non fosse così efficiente come la piattaforma X, quando invece si sarebbe dovuto spiegare che se non si possiede un gestionale da cui attingere, i dati devono essere inseriti a mano e la velocità dipende in buona parte dall’operatore e non dalla piattaforma.

Per qualunque motivo sia stata fatta una determinata scelta, provare anche Fatture e Corrispettivi (se non si possiedono i dati per l’accesso possono essere richiesti al delegato che ha eseguito la nostra registrazione, solitamente lo studio) costa solo pochi secondi e se non riscontrate grosse differenze probabilmente si sta pagando per un servizio superfluo. Per chi poi non lo avesse già fatto è bene anche esercitare l’opzione di conservazione.

Non conservare i propri documenti presso gli intermediari
Solo se diamo mandato di conservazione il provider potrà mantenere archiviati i nostri documenti sui propri server.
Ho sentito diversi motivi per cui si dovrebbe dare mandato di conservazione all’intermediario ma pochi mi hanno convinto. Spesso ho sentito dire che il contratto di servizio dell’Agenzia non tiene conto dei diritti dell’utente, che perderanno i documenti e che siamo costretti a rinnovare il servizio ogni tre anni con il rischio di dimenticarci e quindi perdere le fatture precedenti. In verità quasi nessuno ha letto i contratti e ci siamo fidati del sentito dire.
Se diamo mandato all’Agenzia questa dovrà mantenere le fatture per 15 anni. E’ vero che ogni tre anni dovremo rinnovare l’opzione ma verremo avvisati via email e sulla home page del sito, lo stesso sito a cui accederemo per inviare nuove fatture o scaricare quelle ricevute. Anche se non sappiamo come saranno questi avvisi ritengo sia un po’ difficile dimenticarsi.
E se chiudiamo l’attività ? In quel caso potremmo cestinare le email e non accedere al sito ma i documenti inviati in precedenza rimarranno. Inoltre potremo riattivare il servizio ed eventualmente mandare i file relativi ai documenti emessi nel periodo in cui abbiamo interrotto il rapporto.

Indicare solo i dati obbligatori
La fattura elettronica può contenere tante informazioni ma la maggior parte di queste è facoltativa.
Di conseguenza meno dati mettiamo e meglio è, anche se tra i dati obbligatori quasi tutti sono estremamente delicati (dati del cliente, importi, modalità di pagamento).
Divulgare meno informazioni commerciali possibile e indicare una sola riga con il valore totale, fa della nostra fattura un documento meno appetibile di altri.
Se fosse possibile sarebbe bene mettere una sola riga di dettaglio con Descrizione=”servizio”, Quantità=1, Prezzo=Totale della fattura
Ma se dobbiamo riportare le singole voci quantomeno non indicare mai codici, prezzi unitari o altre informazioni tecniche che un robot potrebbe facilmente interpretare.

Riportare solo il riferimento ai documenti di trasporto
Se mai ci dovesse essere qualcuno che cercherà di carpire informazioni commerciali non lo farà aprendo ogni singolo file ma userà un software.
Se anche non riportiamo codici o informazioni tecniche, per un robot è molto semplice carpire informazioni utili dalla descrizione ed associarla al prezzo unitario della riga.
Un piccolo vantaggio ce lo darebbe riportare sempre Quantità=1 e il prezzo unitario uguale al totale, ma anche in questo caso le informazioni a cui attingere sono tante.
Nel caso di vendita di servizi l’ideale sarebbe inserire una sola riga con descrizione generica e prezzo totale ma per la vendita di beni non è consentito.
Per i beni non c’è soluzione migliore che riportare in fattura una sola riga con “Rif.DDT n. del” è un prezzo totale.

Usare canali diversi per la comunicazione con il cliente
Se sposiamo la linea di mettere sulla fattura meno dati possibile, non possiamo esimerci dal dare al cliente le informazioni della compravendita, che gli sono necessarie come i codici, i prezzi o le quantità.
La soluzione è tenere su un altro documento queste informazioni.
Per risparmiare tempo si potrebbe indicare tutto sul documento di trasporto oppure creare un documento interno con le singole voci di costo da recapitare direttamente al cliente attraverso altro canale.
In realtà se utilizziamo un gestionale possiamo continuare a stampare su carta o in PDF la fattura come siamo sempre stati abituati a fare, chiedendo agli sviluppatori di creare il file XML per la fattura elettronica che mascheri le informazioni più delicate.

Per concludere

I vantaggi reali che porta il servizio fornito da un intermediario possono essere soprattutto di due tipi :

  1. Se avete una grossa mole di fatture a fine mese potete copiare tutti i file xml in una determinata cartella e questi verranno inviati automaticamente. Però attenzione al rovescio della medaglia; copiare per errore dei file non verificati o temporanei significa farli partire in automatico e dovere poi emettere altrettante note di credito
  2. E’ possibile registrare le fatture passive in contabilità più velocemente ma se questo servizio è esterno si dovrebbe riuscire almeno a spuntare un risparmio sui costi di consulenza, altrimenti non ne abbiamo nessun vantaggio pratico

In entrambi i casi si possono riscontrare migliori performance solo se si superano il migliaio di fatture all’anno, in tutti gli altri scenari avrete pochi o nessun vantaggio e può essere che il gioco non valga la candela. Oltre al portafoglio ne godrà la privacy.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: